Piccole mamme


 
IndicePortaleFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 le prime cose da fare

Andare in basso 
AutoreMessaggio
dolcesogno
moderatrice
moderatrice
avatar

Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 28.07.10

MessaggioTitolo: le prime cose da fare   Mer Lug 28 2010, 20:30


La prima cosa da fare, per la futura coppia di sposi, è quella di recarsi all'Ufficio Matrimoni, dove concordare un appuntamento per firmare la richiesta di pubblicazioni.

Entrambi gli sposi devono essere maggiorenni e in possesso di carta d'identità non scaduta. Per le pubblicazioni non occorre più la presenza dei testimoni.
Successivamente il Comune di residenza rilascia ai due sposi il nullaosta, ovvero il certificato di avvenuta pubblicazione, il quale dovrà essere consegnato al Parroco, se si sceglie il rito concordatario, oppure all'Ufficiale di Stato Civile del o dei Comuni di residenza, se si sceglie il rito civile.

IL MATRIMONIO CIVILE

Il matrimonio civile necessita di:

Estratto per riassunto dell'atto di nascita, rilasciato dal Comune di nascita, se questo è diverso dal Comune di residenza
» Certificato di stato civile
» Certificato contestuale rilasciato dal Comune di residenza
» Certificato di cittadinanza
» Certificato di residenza
» Pubblicazioni civili in Municipio

Dichiarazione di assenza d'impedimenti di matrimonio, rilasciata dal Comune di nascita
Con "assenza di impedimenti al matrimonio", si intende:
- Per la donna, che il precedente matrimonio sia sciolto da almeno 300 giorni;
- Assenza di impedimenti di parentela, affinità, adozione o affiliazione;
- Assenza di una dichiarazione di interdizione per infermità mentale;
- Assenza di una condanna per omicidio consumato o tentato sul coniuge dell'altro sposo.

Fatte queste dichiarazioni, l'Ufficiale di Stato Civile redige il processo verbale, sottoscrivendolo insieme ai due futuri sposi.
L'Ufficiale espone quindi l'Atto di Pubblicazione per 8 giorni, trascorsi i quali rilascia il certificato di avvenuta pubblicazione.

Quando uno degli sposi è residente in un altro Comune, l'Ufficiale di Stato Civile dovrà richiedere la pubblicazione anche in quel Comune, che affiggerà le pubblicazioni sempre per 8 giorni interi. Al nono giorno invierà la comunicazione di avvenuta esecuzione delle pubblicazioni all'altro Comune.
Il matrimonio potrà essere celebrato dopo 4 giorni dall'ultima pubblicazione.

Per motivi di necessità, il matrimonio civile può essere celebrato anche in un Comune diverso da quello in cui sono state richieste le pubblicazioni. In questo caso, l'Ufficiale di Stato Civile trasmetterà la documentazione agli uffici del Comune scelto per il rito.

Anche se celebrato in un Comune diverso, il matrimonio civile si dovrà comunque svolgere in Comune o in una sala civica appartenente al Comune. Unica eccezione a tale regola è l'infermità o altro impedimento giustificato di uno o entrambi gli sposi.

IL MATRIMONIO CATTOLICO

Il matrimonio celebrato con rito religioso cattolico produce anche effetti civili. Prende il nome di Matrimonio Concordatario poiché si basa sul Concordato tra lo Stato Italiano e la Chiesa Cattolica.

Il matrimonio cattolico necessita di:

Estratto per riassunto dell'atto di nascita rilasciato dal Comune di nascita se questo è diverso dal Comune di residenza
» Certificato di stato civile
» Certificato contestuale rilasciato dal Comune di residenza
» Certificato di cittadinanza
» Certificato di residenza
» Pubblicazioni civili in Municipio

Dichiarazione di assenza d'impedimenti di matrimonio, rilasciata dal Comune di nascita
» Attestato di frequenza al corso prematrimoniale
» Certificato di battesimo e certificato di cresima
» Esame del fidanzato/fidanzata con vidimazione della Curia

Prova di stato libero con due testimoni o con giuramento in assenza dei testimoni
La Chiesa Cattolica richiede ai futuri sposi la partecipazione a un corso preparatorio. La durata del corso di solito non supera i due mesi.

La Prova di Stato Libero è necessaria quando uno degli sposi, dopo aver compiuto il sedicesimo anno di età, è stato residente in diocesi diverse da quella attuale. Avviene alla presenza di due testimoni che hanno conosciuto lo sposo (o la sposa) nel periodo in cui ha avuto la residenza in un'altra diocesi. Se non vi sono testimoni, la prova avviene tramite giuramento dell'interessato.

Dopo aver prodotto tutti i documenti necessari, il parroco consegna ai futuri sposi la richiesta di pubblicazioni civili da portare in Comune. Il certificato di avvenute pubblicazioni civili, rilasciato dall'Ufficiale di Stato Civile, verrà poi portato al parroco insieme ai certificati religiosi.
Il parroco interrogherà quindi separatamente i futuri sposi, per verificare il cosiddetto "consenso", e provvederà quindi alle Pubblicazioni Religiose, che saranno esposte in parrocchia.
Se la coppia ha deciso di sposarsi presso una Diocesi differente dalla propria, il parroco di quest'ultima dovrà rilasciare uno "Stato dei documenti" che, dopo essere stato vidimato dalla Curia, andrà consegnato alla parrocchia prescelta.

Subito dopo la celebrazione, il Parroco compila l'atto di matrimonio ed entro i successivi 5 giorni ne trasmette una copia all'ufficiale di stato civile del comune in cui è avvenuto il matrimonio stesso. L'ufficiale trascrive l'atto il giorno seguente e comunica l'avvenuto adempimento al parroco.

L MATRIMONIO ACATTOLICO

Per il matrimonio "acattolico", ossia celebrato con rito Ebraico, Valdese, Chiese Cristiane Avventiste, Assemblee di Dio in Italia, Congregazione dei Testimoni di Geova, i documenti da presentare si differenziano in base all'ordine della celebrazione.

I futuri sposi devono dichiarare all'Ufficiale di Stato Civile che intendono celebrare il matrimonio davanti ad un ministro di culto acattolico. Dopo aver ricevuto tutti i documenti necessari, l'Ufficiale di Stato Civile rilascia un'autorizzazione scritta con l'indicazione del ministro davanti al quale la celebrazione avrà luogo.
Quel ministro deve dare lettura degli artt. 143, 144 e 147 del codice civile e riceve, alla presenza di due testimoni, la dichiarazione espressa da entrambi gli sposi di volersi prendere rispettivamente in marito e in moglie, come prescritto per la celebrazione del matrimonio civile.

Dopo la celebrazione, l'atto di matrimonio sarà trasmesso all'Ufficiale di Stato Civile che procederà alla trascrizione nei registri dello Stato Civile.
Smile
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
lory
brava mamma
brava mamma


Numero di messaggi : 168
Età : 32
Località : palermo
Occupazione/Hobby : casalinga sposata
Data d'iscrizione : 28.07.10

MessaggioTitolo: Re: le prime cose da fare   Lun Ago 02 2010, 22:39

mi ricordano tanto queste cose Exclamation Exclamation Idea Idea
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
PiccolaMamma
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 182
Età : 30
Località : roma
Data d'iscrizione : 26.07.10

MessaggioTitolo: Re: le prime cose da fare   Mar Ago 03 2010, 14:25

Grazie dolce avevo proprio bisogno di questo.. Evil or Very Mad

_________________
Lilypie 3° comp Ticker
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Ath
baby mamma
baby mamma
avatar

Numero di messaggi : 23
Età : 35
Località : lodi
Data d'iscrizione : 28.07.10

MessaggioTitolo: Molto utile   Gio Ago 05 2010, 00:58

Grazie mille! Io mi sposo il 16/06/2012... C'è tempo lo sò, ma essendo un tantino pasticciona è importante sapere bene di che documenti ho bisogno!!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: le prime cose da fare   

Tornare in alto Andare in basso
 
le prime cose da fare
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» COSE CHE TI PIACCIONO
» COSE CHE NON TI PIACCIONO
» Per tutte le mamme in attesa: video su come fare il bagnetto, cambiare il pannolino...
» sono andata a fare shopping
» vediamo di fare il punto della situazione

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Piccole mamme :: Mamme e la vita quotidiana :: иσι є ιℓ мαтяιмσиισ-
Andare verso: